Archive for gennaio 2016

ATTIVITA’ IN CONTEST 2016

All’inizio di ogni nuovo anno è bene fare un piano delle attività che, singolarmente o in gruppo, pensiamo di fare nel corso dei mesi successivi. Per pianificare la nostra partecipazione ai contests HF e 50MHz che si avranno nel 2016, possiamo considerare che gli appuntamenti più importanti per le nostre finalità sono indicati nella seguente tabella: (cliccare per una migliore visione tabella)

Tabella contest 2016 x

Per gli altri contests verranno date informazioni e riferimenti tramite gli avvisi settimanali, inviati via mail a tutti i soci della Sezione ARI Roma.

Read more

PONTE PER MISURE in Radio Frequenza

di IØZV, Francesco Cherubiniponte-rf

Questa descrizione non interessa certamente chi dispone di moderni e costosi strumenti, ma consente al dilettante medio di fare misure in HF con un impegno economico assai modesto.
Questo ponte, costruito tanti anni fa, è tutt’ ora usabile per misure in HF, più esattamente fino a 30 MHz per resistenze tra 10 e 1000 ohm, capacità tra 1 e 500 pf e induttanze tra 1 e 100 μH.
La costruzione e lo schema furono parzialmente ispirate dal ponte della Marconi tipo TME 20.
La descrizione fu pubblicata su Radio Rivista 8/1966 e su QST (USA) 9/1967; ed è stato usato e citato da IN3IYD su R.Rivista. 3/2012, pag.37. Quel che segue è un rifacimento 2013.

Read more

“Riaccendete il Saldatore” IL 15 GENNAIO E’ L’ULTIMO GIORNO PER ISCRIVERSI

http://www.quellidellaradio.it/riaccendete-il-saldatore-il-15-gennaio-e-lultimo-giorno-per-iscriversi/

CHIAMAROMA

chiamaromaCHIAMAROMA è un esperimento collettivo di comunicazione a breve raggio volto a verificare l’efficacia e la praticabilità dei collegamenti sulle diverse bande comunemente accessibili.

L’attività consiste nell’effettuare collegamenti locali, a bassa potenza, su tutte le bande dai 160 metri ai 70 centimetri.
Finalità dell’esperimento:

  • verificare l’effettiva copertura dell’ambiente urbano sulle diverse bande, come effetto combinato di propagazione e condizioni ambientali;
  • sperimentare le antenne e tecniche operative più efficaci;
  • stimolare tutti gli operatori all’impiego di tutte le bande concesse, anche in modalità spesso non considerate.

LEGGI IL REGOLAMENTO COMPLETO